L’arte orientale del bonsai è molto apprezzata anche nei Paesi occidentali. Nei garden ci sono alberi già pronti, dalle forme tradizionali, curati per non crescere oltre l’altezza del ginocchio. Puoi trovare però, anche tutto il materiale occorrente per modellare esemplari di bonsai con le tue mani.

Ci vuole più di un anno per modellare un bonsai partendo da una pianticella. Comincia scegliendo le piante che ti piacciono in primavera o in estate; preferisci quelle che hanno uno stelo con le dimensioni di circa 1 cm di diametro alla base. Se le piantine stanno crescendo in giardino, non le rimuovere o, almeno, invasale usando della composta specifica e lasciale all’aperto in un luogo riparato.

La cosa importante è cominciare precocemente a modellare un bonsai. Pota la pianta in maniera approssimativa nella forma voluta, lasciando vari rami su entrambi i lati del tronco, ma assicurati di eliminare le ramificazioni opposte in modo da creare un effetto equilibrato ma asimmetrico. Prima dell’inverno, recidi lo stelo principale a 15 cm circa di altezza dalla base, rimuovi la piantina dal terreno o dal vaso e pota fino a un terzo le radici. Infine sistema la pianta in un contenitore per bonsai.

Quando metti l’alberello nel vassoio per bonsai, usa del filo elettrico per fissare le radici ai fori di drenaggio in modo da mantenerlo nella posizione desiderata. Avvolgi altro filo di rame a spirale intorno al fusto e ai rami così da piegarli nelle forme contorte desiderate. Poi fissa il filo elettrico con uno spago al bordo del vasetto. Ricorda di avvolgere il filo in modo regolare, formando spire di circa 45 gradi, di non tirare troppo il filo e di non attorcigliarlo su se stesso. Ricopri lo strato superiore del terriccio con del muschio per dare l’idea dell’erba. Lascia la pianta all’aperto, riparata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *