Risulta essere un secondo piatto che appartiene alla tradizione della cucina turca. In esso avverti anche profumi e sapori della nostra cucina mediterranea. Sarei portata a definirlo come una “fusione” indovinata di cucine gastronomiche. D’altro canto, a ben guardare, si sa che la cucina turca, definita dagli esperti del settore tra le più raffinate, è per buona parte, un felice connubio di piatti gastronomici dell’area geografica alla quale appartiene.

200 g di carne di manzo (o di montone o di agnello), 70 g di Pane Carré 200 g di polpa di maiale, 50 g di grasso di rognone, 50 g di uvetta sultanina, un limone, un cucchiaio di aceto, mezzo bicchiere di vino bianco, un po’ di latte, due spicchi di aglio, un uovo, sale, una cipolla, farina, olio, prezzemolo.

Metti nel tritacarne le due qualità di carni, e cioè manzo e maiale, insieme al grasso di rognone e, una volta tritate finemente, disponile al momento in una terrina. Spezzetta il pane e bagnalo con un po’ di latte. Lascialo ammorbire e una volta pronto, strizzalo e uniscilo al trito di carni, insieme con la scorza grattugiata del limone, l’uovo, il ciuffetto di prezzemolo tritato e una presa di sale.

Unisci bene e, con questo composto, forma delle polpettine della grandezza di una noce. Disponi della farina in un piatto e passale per un attimo in essa. Lasciale riposare per una mezz’oretta e poi prendi la padella che comunemente usi per i fritti, versaci un mezzo bicchiere di olio e appena frigge metti le polpettine.

Falle indorare da tutti i lati. Nel frattempo rigira l’uva passa, che già avrai messo a macerare in una terrina, bagnandola del succo di limone, del vino bianco e aceto. Una volta fritte le polpette, levale dal condimento con una schiumarola e deponile in una pirofila, al caldo. Coprile con un foglio di alluminio.

Nell’olio di cottura fai soffriggere la cipolla tritata insieme con gli spicchi di aglio. Non appena il soffritto sarà imbiondito, unisci l’uvetta con tutto il suo liquido e altri cucchiai di olio. Mescola e lascia crogiolare il tutto per 10 minuti a fiamma dolce. Quindi versa l’intingolo sulle crocchette e servi subito, ben calde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *