I funghi e i parassiti delle piante variano a seconda del luogo in cui ci troviamo; quelli di città sono diversi da quelli di un ambiente tropicale. Noi per il momento ci occuperemo di riconoscere, per capire come intervenire, dei parassiti d’interni.

Inizia con identificare l’ospite indesiderato della tuapianta: Mal bianco, ruggine, fumaggine; sono malattie fungine che vengono causate dai parassiti di origine vegetale. È possibile rilevare la loro presenza sulla foglia poiché questa apparirà ricoperta di una polvere bianca, marroncina, la ruggine, oppure nerastra e cioè la fumaggine. In questo caso elimina le foglie colpite e su quelle che restano spruzza macerato d’ortica.

Poi abbiamo gli acari; essi sono parassiti rossastri o giallastri che si annidano sulla parte inferiore della foglia e ne succhiano la linfa. Ti accorgerai della loro presenza poiché la foglia diventa bianco-gialla e si secca; tra una foglia e l’altra inoltre compaiono una specie di ragnatele. Intervieni con un tè di aglio. Li metterai in fuga all’istante!

Infine abbiamo le cocciniglie; esse sono insetti lunghi e appiattiti con uno scudo sul dorso. Preferiscono le nervature delle foglie e i rami teneri. La pianta si indebolisce poiché esse succhiano la linfa, le foglie cadono e i rami seccano. Per rimediare gratta parzialmente con una lama foglie e rami per eliminare gli insetti e ripulire le foglie dalle sostanze zuccherine e appiccicose. Poi passa sulle foglie un batuffolo di cotone imbevuto di alcol.